venerdì 1 dicembre 2017

Le straordinarie bellezze dell’Europa

Un viaggio nel verde Nordest della Slovenia, godendo i benefici delle acque termali di Moravske Toplice


di Giampiero Rorato




Il moderno complesso termale di Moravske Toplice


     Non lontano dall’Italia, nella vicina e verde Slovenia – straordinari e ben tenuti i boschi e i prati sia in pianura che nelle colline – c’è una regione che affascina il viaggiatore curioso e attento. 

     È la Prekmurje, il cui nome deriva dal fiume Mura, celebre in passato per i suoi mulini galleggianti; un fiume che nasce in Austria negli Alti Tauri a 1898 sul l.m.e., attraversa poi la Prekmurje 
e confluisce nella Drava a Legrad in Croazia.

     Questa regione che occupa l’estremo Nordest della Slovenia, quasi racchiusa tra Austria, Ungheria e Croazia, faceva parte un tempo della Pannonia, attraversata nell’antichità da numerose orde barbariche ed è oggi una terra di straordinaria bellezza. 

     C’è una ricca agricoltura, molto mais e grano saraceno, boschi e boschetti, alcune interessanti aree viticole e, sopra gli alti camini, nidi di cicogne che si vedono poi volteggiare nel cielo sopra la pianura.   

     In questa regione esistono anche numerosi ed estesi campi di zucche. Passando per le strade di campagna, tra i piccoli borghi attorno alla città di Murska Sobota, che ne è il capoluogo, si vedono fino all’inizio di settembre lunghi filari di zucche gialle, ce ne sono migliaia e migliaia, utilizzate per i loro semi con i quali si produce un ottimo “olio di semi di zucca”, prodotto tipico di questa regione, apprezzato in tutta la Slovenia, in Austria e nel nord della Croazia.

     Il Nordest della Slovenia è poi caratterizzato da numerosi centri termali: Ptuj, Radenci, Banovci, Lendava, Moravske Toplice, le più a nordest, addossate al confine don l’Ungheria, la cui lingua è parlata anche da una parte della popolazione della zona.



Il Livada, uno degli alberghi termali di Moravske Toplice con la piscina dell'acqua nera




Moravske Toplice


     Prekmurje, significa letteralmente “Oltremura”, al di là del fiume Mura, verso la vecchia frontiera; è, come abbiamo visto, una regione prevalentemente agricola, pochissime industrie, ma, in compenso, ricca di centri termali frequentati da persone d’ogni parte d’Europa, Italia compresa.

     Ogni località termale ha le sue caratteristiche e la cosa che sorprende gli ospiti è la grande ospitalità della gente, la pace che si respira ovunque, i panorami che s’estendono oltre l’orizzonte, le piccole e splendide chiesette dei borghi, le case dai tetti rossi ad angolo acuto, in particolare quelle più vecchie, generalmente a un solo piano, molto lunghe, comprendendo anche i luoghi necessari per conservare i prodotti dei campi.


Un picnic nel lago Bukovnica in comune di Modravske Toplice


     Il paese di Moravske Toplice – nome traducibile come “villaggio dell’Ultramura dalle acque calde”, un nome conosciuto ormai in tutta Europa – è minuscolo e vive attorno al grande complesso termale, uno dei più eleganti e originali d’Europa, costituito da tre alberghi.

     Ci sono il Livada, l’Ajda e il Termal, con piscine termali interne ed esterne; un vasto parco termale con giochi acquei d’ogni tipo e per ogni età; un grande e curatissimo impianto per la pratica e per gare internazionali di golf, con i giocatori ospitati negli alberghi termali e aperto  agli ospiti delle terme; una cucina ricca, varia e buona; un’ampia scelta di vini e di birre ed ancora, ottimo servizio, grande tranquillità, una bella atmosfera, un efficiente e moderno centro wellness con trattamenti fra i più avanzati e un raffinato centro Thai con personale specializzato proveniente dalla Thailandia.

     E c’è ancora di più, dalle profondità del sottosuolo che racchiude l’antico mare pannonico, sgorga un’acqua termominerale calda, l’unica di color nero, con alto contenuto di minerali, dagli effetti antidolorifici e chi entra nelle apposite  piscine, sa che quell’acque infonde tranquillità, libera dallo strass ed espande i vasi sanguigni con grandi benefici per la circolazione. 

     Forse è anche per quest’acqua che non si trova in altre parti che c’è una grande affluenza di turisti e persone di ogni età e nazionalità a Moravske Toplice


Il bagno nell'acqua nera di Moravske Toplice


     Per visitare la regione, con fughe anche verso l’Austria, l’Ungheria e la Croazia o le campagne d’attorno, i tre alberghi termali di Moravske Toplice, prima ricordati, sono quanto di meglio il turista attento possa desiderare.

     Nei parcheggi degli alberghi termali ho visto anche corriere provenienti dall’Italia, dall’Austria, dalla Germania, dalla Repubblica Ceca e so che gli ospiti hanno programmato a loro piacimento la sosta, intercalando le cure termali con viaggi dedicati alle visite alle località più interessanti della regione e alle città di Zagabria e di Lubiana ed ho visto quei gruppi felici dell’esperienza, come del resto sono stato io.


Vigne nella Prekmurje


     A un paio di chilometri dalle Terme, ottimamente curate dalla Sava di Lubiana, un’azienda all’avanguardia in Europa nel settore, c’è il grazioso paese di Martjanci, il cui nome deriva da san Martino (316-397), vescovo di Tours, originario della Pannonia ungherese. Qui c’è una chiesa trecentesca, in stile gotico, molto suggestiva, con un alto campanile che si vede da molto lontano.


     A volte, sono proprio queste storiche costruzioni, sia religiose che civili, a svelare l’anima degli abitanti e quella di chi abita nella Prekmurje, la regione più a Nordest della Slovenia, è senza dubbio un’anima bella che merita conoscere. 

     Ed è per questo che chi scrive è stato nella Prekmurje, incontrando un piccolo ma stupendo lembo d’Europa, certo meno noto di Vienna e di Parigi, ma ricco di un suo fascino particolare e di tante incantevoli suggestioni.


Il campanile dell'antica chiesa di San Martino a Martjanci

lunedì 6 novembre 2017

Una conversazione con Gigi Valle

Due chiacchiere con il patriarca dei vini friulani
di Giampiero Rorato


L’incontro con Gigi Valle, il patriarca dei vignaioli friulani, oltre che pioniere e ambasciatore dei vini friulani nel mondo, inizia mentre riecheggiano nelle TV le parole del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella in una manifestazione a difesa delle vaccinazioni: Non possiamo accettare che nel XXI secolo acquistino credito credenze anti-scientifiche”.

Così è nei riguardi della salute, ma è ugualmente così anche nei riguardi del vino. Da quando, oltre quattro mila anni prima di Cristo, i vignaioli armeni realizzarono una cantina nella Grotta degli Uccelli, ancor oggi ben visibile e visitata, e fino ai nostri giorni, la scienza enologica di strada ne ha percorsa molta, sempre migliorando - attraverso prove e riprove, infiniti tentativi, piccole e grandi invenzioni di migliori tecniche produttive - sia la coltivazione della vite in campo che la produzione del vino in cantina e riproporre un vino come lo facevano i vignaioli armeni e georgiani della preistoria è al di fuori di ogni logica e di ogni buon senso, a meno che non lo si faccia per motivi di studio o per hobby.

Ora ho 90 anni, dice Gigi Valle, per andare al Cerletti di Conegliano ho dovuto attendere che terminasse la guerra. Sono quindi entrato nel 1945 e mi sono diplomato perito agrario nel 1950 e poi ho preso la specializzazione in enologia, sempre al Cerletti che è la più antica e rinomata scuola enologica italiana. Ho avuto come docenti, fra gli altri, due grandi celebrità, fra i più stimati scienziati dell’enologia del secolo scorso, Italo Cosmo e Luigi Manzoni, con i quali ho poi intrattenuto cordiali rapporti personali e diverse collaborazioni professionali. Poco dopo essere uscito da Conegliano, nel 1952 ho aperto uno studio di consulenza enologica in piazza Venerio a Udine, il primo in regione e ho fondato l’Enotecnica Friulana che è ancora attiva. Ho fin da subito collaborato con molte aziende e nel corso degli anni ’60, dopo aver conosciuto bene il nostro territorio e come i nostri vignaioli producevano il vino, ho preso in affitto una cantina a Buttrio e, qualche anno dopo, ho costruito la mia cantina, al n. 3 di via Nazionale, sempre a Buttrio e sono ancora qui con mia moglie Dina e i miei figli Paolo, Marco e Ilaria, tutti tre in azienda.”



Realizzata la grande cantina – probabilmente il primo edificio in Friuli Venezia Giulia eretto come cantina – ricco di conoscenze tecniche e di esperienza, Gigi Valle deve scegliere la sua linea produttiva.

“Credevo e credo nella tradizione viticola, nei nostri vitigni storici: il Tocai (oggi Friulano), la Ribolla Gialla, il Refosco dal peduncolo rosso, il Picolit, ma capivo che il mondo voleva anche i vini internazionali, Chardonnay, Sauvignon, Pinot grigio, Cabernet Sauvignon, Merlot. Dapprima ho preso in affitto delle campagne dove ho rinnovato le viti, poi ho acquistato una bella tenuta a Rosazzo, sotto l’antica casa-fortezza, eretta nel lontano passato a protezione dell’Abbazia e ho continuato a coltivare sia i vitigni tradizionali friulani che quelli internazionali.”

Questo per quanto riguarda le viti, nel rispetto della tradizione regionale, ma anche attento al mercato internazionale. E per il vino?

“Ecco – qui Gigi Valle si fa serio. – Quando ho iniziato a vinificare le mie uve non potevo tradire gli insegnamenti che avevo ricevuto da grandi studiosi, apprezzati e seguiti anche a livello internazionale, né potevo operare diversamente dalle consulenze che avevo dato all’imbottigliamento completato, senza che il vino sia in nessun momento a contatto dell’aria. 

Avevo dunque un obiettivo ben preciso: produrre, con l’ausilio di una adatta tecnologia, un vino buono e sano, ben caratterizzato dai propri profumi ed armi, immune da ogni impurità, compresi i lieviti morti, senza aggiungere prodotti strani e quindi non modificato in tutta la fase di fermentazione dei mosti e poi fino 
In giro c’erano allora tanti discorsi a proposito del vino-vino, del vino-naturale, del vino-ideale. In quegli anni a Conegliano c’era un grande docente e tecnico del vino, Tullio De Rosa, il quale affermava che il vino, per sua natura, diventa aceto se non interviene l’uomo con i mezzi offerti dalla tecnologia che in quegli anni si andava sviluppando, soprattutto in Germania, grazie anche a quanto avveniva nelle fabbriche di birra. 

La cantina della famiglia Valle


E chi non ricorda com’erano allora, all’inizio dei mesi caldi, i vini nelle nostre cantine di campagna? Erano ogni giorno sempre più acidi fin da  diventare perfetti per condire l’insalata. Scelsi dunque di affidarmi alla tecnica, scegliendo in particolare tutte le componenti della macchina per l’imbottigliamento, arricchendola da componenti da me pensati, totalmente innovativi.”

In quegli anni c’è stato il deciso ingresso di una seria tecnologia nelle cantine, per cui anche i vini del Friuli Venezia Giulia hanno iniziato a conquistare il mondo.

“Certamente sì e il merito va, oltre che ai vignaioli e agli enologi sempre più presenti nelle cantine, al generoso impegno di Isi Benini, all’intelligente lavoro promozionale del Ducato dei Vini Friulani, dei Consorzi di Tutela e di tante altre persone che, nei loro ambiti, hanno creduto e sostenuto il rinnovamento. Io, intanto, avevo capito una cosa. Che il vino vero è quello che esprime se stesso, i suoi profumi, i suoi aromi e lo si riconosce immediatamente. 

Non deve avere fondi morti che fanno solo male, per cui in questi casi il vino non può essere definito buono; non deve essere a contatto dell’aria in tutta la fase di imbottigliamento e le bottiglie devono essere accuratamente lavate, asciugate e sterilizzate. Così operando, quando si apre una bottiglia si vede il colore vero - naturale - del vino non offuscato da residui, se ne sente il profumo vero senza interventi estranei e un vino così prodotto dura a lungo rimanendo perfetto, regalando il suo fascino anche dopo molti anni.”

Paolo Valle con, alle spalle, Marco e Ilaria


I vini del Friuli Venezia Giulia, dei Colli Orientali, del Collio, dell’Isonzo, del Carso, di Aquileia, delle Grave e della pianura, nella seconda metà del secolo scorso raggiunsero vette qualitative di assoluto prestigio internazionale, tanto che i vini bianchi delle nostre colline erano considerati fra i migliori al mondo.

“È vero, poi, pian piano, anche se l’eccellenza è rimasta e ci sono nella nostra regione numerosi bravi vignaioli, la fama dei nostri vini è purtroppo diminuita, tanto che il Prosecco trevigiano ha superato i nostri vini per fama e per richiesta. E questo mi è dispiaciuto. Eppure molte aziende di altre regioni si rivolgono a noi, anche alla mia cantina, soprattutto per imbottigliare vini che poi vengono serviti in numerose compagnie aeree e questo la dice lunga sulla qualità del nostro lavoro.”

Un vigneto dell'azienda


Gigi Valle è personaggio di una forza straordinaria, vorrebbe che i vini prodotti in regione fossero in ogni enoteca del mondo, in ogni ristorante importante. E ha titolo per esprimere questo desiderio: Valle, infatti, risulta essere il vignaiolo friulano più premiato nell’ultimo mezzo secolo. Ha la tenacia, la pazienza e la volontà caratteristiche dei carnici – è nato a Tolmezzo, nella Trattoria Valle, condotta da sua madre - ha una splendida azienda i cui vini sono molto amati e richiesti anche da importanti enoteche e ristoranti di tutta Europa, d’America e d’Oriente, ha tre figli che seguoino con bravura le sue orme, ha costruito, al di là della sua azienda, una linea produttiva che ha contribuito in modo determinante a valorizzare al meglio promuovere splendidamente nel mondo i vini del Friuli Venezia Giulia.